Falesia di Amore & Psike

Il mito descritto da Apuleio di “Amore & Psike”, riassume appieno l’amore impossibile e la tenacia della passione, di fronte alle difficoltà imposte dall’esterno.

Quando chiodai le prime vie sulla compatta roccia di questa falesia, sembrava impossibile salire dal basso, con attaccato all’imbrago il trapano su quelle lisce lavagne, specie dopo un grave incidente che mi accadde proprio in apertura qualche mese prima, quando un Cliff saltato all’improvviso e il tassellatore da 4kg che mi arrivò in faccia, mi costrinsero ad un mese di ospedale e una difficile operazione facciale.

IMG_20170326_220150_643[1]

Ma alla tenacia della passione, nulla può resistere e così quasi per scherzo, come esercizio riabilitativo per sbloccare la testa (Psike) in apertura, è nata questa bellissima falesia immersa nel Parco Regionale della Grigna Settentrionale.

La vista spazia a 360° sulla Valsassina, sul lago di Como e sulle creste della Grigna.

Ambiente super e roccia molto compatta, sono gli elementi che assicurano un’arrampicata entusiasmante e tecnica, tra le più belle del Lecchese sul grado proposto.

Grado medio 6a/6b, con la presenza di itinerari anche più facili e qualche itinerario di grado 7.

L’esposizione e la quota di 1600 msm, la rendono adatta alle belle giornate primaverili e autunnali e alle fresche giornate estive.

La roccia asciuga velocissimamente e data la natura alpina della falesia, si raccomanda l’uso del casco.

I tiri numero 15 e 16 sono opera di ignoti, mentre il resto della falesia è stato valorizzato da me con l’aiuto del mitico Francesco Galperti “Cecco” (l’uomo della Parete Fasana) nel 2015, chiodando i tiri dal basso e con pochissimi fix. Successivamente valutata la bellezza del posto e considerata la qualità superiore della roccia, decisi di sistemare i tiri precedentemente chiodati, aggiunto in maniera parsimoniosa ma intelligente spit sui tratti chiave e regalando alla falesia comode piazzole per assicurare con panoramiche panchine di larice.

L’Andre “Bedoii” Cari

 

12108945_10207754664805882_1094425104797761294_n

I gradi sono indicativi di una tipologia d’arrampicata in placca oramai un po’ démodé molto tecnica, dove a poco servono i muscoli…


La falesia è composta da tre settori:

SETTORE SUPERPLACCA:

Settore fantastico che da solo vale la visita alla falesia. E’ la placconata compatta sopra i terrazzini all’interno del canale. Esposizione Sud.

*i numeri si riferiscono partendo da sx scendendo verso dx

NOME GRADO LUNGHEZZA DESCRIZIONE
1 HOTEL CAINALLO 5 C 15m Placchetta lavorata non banale
2 RIDAMMI LA RADIO 6 A 18m Singolo di equilibrio poi più facile
3 METAMORFOSI 6 A+ 18m Equilibrio e decisione in partenza
4 LA NUOVA STELLA DI BRODWAY 6 C 20m Movimenti tecnici su placca stupenda
5 LA DANZA DELLE NUVOLE 6 C+ 20m Continuità e tecnica su placca super
6 IMPRESSIONI D’AUTUNNO 6 B 25m Singolo tecnico su roccia iperlavorata
7 IL VECCHIO E IL BIMBO 6 A 20m Tiro vario con tratti tecnici nella parte alta
8 CALMA INTERIORE 6 A+ 30m Prima parte articolata poi arrampicata tecnica su fessura diagonale

SETTORE “GROTTA CON VISTA”:

E’ il settore caratterizzato dalla grotta con panchina panoramica in fase di sviluppo. Ad ora solo 3 itinerari parzialmente chiodati dall’alto. Numerazione da sx a dx.

9 LA FACCIA DELLE DONNE PROJECT 18m Progetto in strapiombo
10 BANDIERA BIANCA PROJECT 25m Progetto in strapiombo
11 L’ULTIMA LUNA PROJECT 25m Progetto in strapiombo

SETTORE “BALCONE SULL’EGHEN”:

Settore con esposizione Sud-Est caratterizzato da brevi itinerari ma molto belli. La numerazione avviene da sx a dx, gli itinerari 15-16 sono ad opera di ignoti e non rivisti nella chiodatura, se non per l’aggiunta di uno spit iniziale.

12 ANNA E’ GIA’ QUI 5 C 12m Placca adagiata molto aderente
13 NONNA CRISTINA 5 C 12m Placca adagiata molto aderente
14 L’ANIMA DELLA GRIGNA 6 A 12m Placca adagiata molto aderente
15 IGNOTO 1 5 B 12m Tiro chiodato da ignoti, ch da verificare
16 IGNOTO 2 5 B 12m Tiro chiodato da ignoti, ch da verificare

SETTORE “FRIGO”:

Settore con esposizione Nord caratterizzato da tre intensi tiri, molto fisici ed esplosivi.

17 VUOTO A RENDERE 6 A+ 15m Tiro articolato
18 IL RATTO DELLE FAINE 6 C+ 15m Partenza intesae continuità nel finale
19 ASPETTANDO IL DOMANI NL 15m Sequenza finale molto dura, strapiomba più di quanto sembri

AVVICINAMENTO:

Lasciata la macchina al parcheggio sterrato a pagamento della “Val di Cin”(biglietto presso il rifugio Cainallo), si imbocca dopo circa 50m sulla dx, il sentiero che tramite il segnavia CAI 24/25 conduce al Rifugio Bietti-Buzzi e alla Capanna Bogani. Dopo circa 15 minuti di cammino si giunge a una serie di passerelle di cemento e legno sopra scoscesi canali detritici (catene d’aiuto a monte), che si passano fino a giungere nuovamente ad un tratto di sentiero nel bosco, dove dopo circa 100m all’altezza di un largo canale, si segue una traccia di sentiero, che risale verso monte fino alla ben visibile struttura rocciosa (Freccia segnavia su albero e bolli rossi). Circa 25 minuti dalla macchina.